©2019 Emiliano-Romagnoli Bruxelles

 
  • Anna Barbieri

La nostra route 66 – Lavaux Sainte Anne (Belgio)

Non abbiamo mai viaggiato così tanto come in questi ultimi 20 anni… Eppure non abbiamo mai viaggiato cosi’ poco, perché si arriva subito a destinazione…

Siamo alla ricerca affannata di angoli inesplorati, avventura, ma a forza di viaggiare, abbiamo ormai addomesticato ogni angolo di mondo.

Nel viaggio Coast to Coast dal Belgio all’Emilia Romagna, ho passato spesso i cartelli stradali di Lavaux St Anne, nel sud del Belgio. Poi una volta abbiamo deciso di fermarci.  Ancora un po’ presto per fare una pausa durante il viaggio, ma se l’importante non è arrivare a destinazione, ma godersi il viaggio, allora vi consiglio vivamente una pausa di 2 o 3 ore.

Il Castello e le case circostanti sono molto pittoresche, di pietra grigia e marrone, tipica delle Ardenne; i tetti di ardesia.


L’esposizione all’interno del Castello è ispirata al mondo della caccia, grande passione e passatempo degli antichi proprietari del castello.  Ci sono gli specchietti per le allodole, a ricordarci il significato metaforico del termine ed il pericolo delle illusioni; c’è una sala dedicata alla falconeria… diventata patrimonio immateriale dell’umanità dell’UNESCO.  Come dice uno motto di questo blog ‘Non è necessario andare lontano per vedere cose nuove’.. E’ una Fortuna riservata a pochi, il trovare l’infinito nelle piccole didascalie all’apparenza insignificanti.

C’è anche un piccolo parco naturalistico per una passeggiata, prima di riprendere la nostra route 66. Dal mare del Nord all’Adriatico. Buon viaggio!



0 visualizzazioni